DOYOULIKE.ORG – Magazine di Musica: News, Interviste, Report, Concerti e Festival

Medimex 2018, ecco il programma completo

5 giugno 2018 EVENTI & CONCERTI

Presentato questa mattina a Taranto il programma completo del Medimex 2018,  International Festival & Music Conference promosso da Puglia Sounds.

Il Medimex è un gesto di amore intelligente di tutta la Puglia verso Taranto, perché Taranto, più il tempo passa, più nella coscienza collettiva dei pugliesi, degli italiani, diventa un’arma fondamentale di rivoluzione gentile. Questo è un luogo dove la creatività in qualche maniera nasce dalla rabbia e la metabolizza, la trasforma – ha dichiarato il Presidente Michele Emiliano nel corso della conferenza stampa. È tipico di tutte le grandi città e Taranto è una grande città, un luogo dove avvengono fatti storici, fatti grandi. Naturalmente deve riprendere l’abitudine a giocare in questo campionato, che è il campionato dell’eccellenza italiana ed europea. E noi siamo tutti al suo fianco. Il Medimex è un festival di cultura musicale che Taranto si è guadagnato organizzando a mani nude il concerto del primo maggio. Si è inventata questa incredibile avventura e abbiamo compreso che in questa città la musica potesse svolgere un ruolo per tirar fuori dal cuore dei tarantini ciò che di prezioso è custodito lì dentro. È chiaro che è una grande fatica. Questo è solo l’inizio, speriamo di poter lavorare bene con tutta la città e poter costruire il futuro di Taranto non solo nelle trattative difficili dell’Ilva, ma anche in mille altri eventi che possono rendere noto al mondo che questa è una città bellissima e merita di essere anche una città turistica, non solo una città industriale”.

“È entusiasmante respirare l’atmosfera già carica di questa partenza. In questo momento la Puglia brulica di iniziative culturali, dal Gargano al Salento, c’è l’imbarazzo della scelta. Insomma la Puglia della cultura si sta facendo sentire e in questa Puglia oggi Taranto è protagonista con una delle iniziative sulla musica più importanti che la Regione organizza insieme a Teatro Pubblico Pugliese per il tramite di Puglia Sounds e in collaborazione e con Puglia Promozione – il commento dell’assessore Loredana Capone. Taranto perché è una città bellissima, che merita che i suoi meravigliosi contenitori possano riempirsi sempre più di contenuti di qualità. Medimex da questo punto di vista rappresenta un’occasione straordinaria, per tutto il settore della musica, dello spettacolo dal vivo, e per la formazione di cui si fa promotore. Il mondo della musica sta cambiando profondamente, è cambiato l’ascolto, questa è l’era dell’accessobilità. Siamo passati dai vinili alle musicassette, ai cd, alle piattaforme streaming. Fornire un aiuto, un confronto su questi temi, con il supporto di professionisti ed esperti del settore, allora, è quantomai indispensabile. Tutto questo è Medimex, concerti di grande qualità, date uniche in Italia come quelle dei Krafwerk e dei Placebo, ma anche incontri d’autore, workshop professionalizzanti e due scuole, “Puglia Sounds Musicarium” e “Song editing camp”, per chi è già veterano del settore e per chi, invece, vuole cominciare ad intraprendere questo straordinario mestiere. Siamo pronti insomma: ora è tutto nelle mani dei tarantini. Perché la cultura può essere davvero la seconda chance per questa città e i suoi cittadini. Perché chi la osserva da lontano possa finalmente scorgervi un’altra anima rispetto a quella industriale. Un’anima che incuriosisce e attrae”.

“Abbiamo scelto di portare il Medimex nel cuore della città. Chiediamo scusa se ci sarà qualche disagio, ma per cambiare la percezione di Taranto dovevano puntare sui luoghi simbolo del centro. Il ritorno di immagine sarà positivo – Cesare Veronico, coordinatore Medimex/Puglia Sounds. Ci sono oltre cento testate accreditate per seguire il centinaio di iniziative di quest’evento che ospita duecento tra artisti e musicisti, molti dei quali pugliesi, e quattrocento tra operatori e partecipanti alle sezioni professionial ed educational. La ricaduta sull’intero sistema musicale pugliese sarà importante”.

Prende il via giovedì 7 giugno il Medimex, International Festival & Music Conference, con un fitto programma di concerti, incontri d’autore, panel e attività professionali, mostre e dj set

Tra gli ospiti Kraftewerk, Placebo, Nitro, Daddy G, Paul Cook, Giuliano Sangiorgi, Emma Marrone, Max Gazzè, Roni Size, Raphael Gualazzi, Michael Lavine e Charles Peterson, Ghemon, Renzo Rubino, Diodato.

Il Medimex 2018 è in programma a Taranto da giovedì 7 a domenica 10 giugno con lo spettacolo 3D in esclusiva per l’Italia dei Kraftwerk, headliner di questa edizione con i Placebo, e le esibizioni di Roni SizeDaddy G (Massive Attack), Casino Royale e Nitro. Prevista anche la mostra Kurt Cobain & Il Grunge: Storia di una Rivoluzione. Fotografie di Michael Lavine e Charles Peterson con scatti inediti sui Nirvana e il suo fondatore. Sono questi alcuni dei circa cento appuntamenti dell’International Festival & Music Conference promosso da Puglia Sounds, il programma della Regione Puglia per lo sviluppo musicale, che quest’anno diventa itinerante nella regione e approda in una delle più belle città italiane. Quattro giorni al centro della musica con le star italiane internazionali, un importante spazio di confronto professionale sulle opportunità del mercato mondiale e incontri per il pubblico con DiodatoMichael LavineCharles PetersonMax GazzèEmma MarroneGiuliano SangiorgiRaphael GualazziUltimoGhemonRenzo RubinoPaul Cook (Sex Pistols)Mirkoeilcane, Nitro, un mercato internazionale del vinile delle etichette indipendenti, dj set, proiezioni, contest, showcase, presentazioni di libri e molte altre attività.

Di prestigio il programma dei live. Giovedì 7 giugno sul main  stage della Rotonda del Lungomare Vittorio Emanuele III (ingresso a pagamento), di scena il dj e producer inglese Roni Size, i nuovi protagonisti della scena brasiliana Metá Metáe lo spettacolo tridimensionale dei padri della musica elettronica Kraftwerk. La serata proseguirà al Molo Sant’Eligio, dove alla mezzanotte il rapper Dj Gruff incontrerà il trombonista pugliese Gianluca PetrellaVenerdì 8 giugno, sempre sul main stage della Rotonda del Lungomare Vittorio Emanuele III (ingresso a pagamento), il set di concerti prevede il giovane talento torinese Kiol, i Casino Royale e il concerto antologico dei Placebo. Alla mezzanotte ci si sposterà al Molo Sant’Eligio per il set dei Mangaboo (ingresso libero sino ad esaurimento dei posti). Terza giornata di concerti, sabato 9 giugno, con il Raffo Fest, serata speciale a ingresso gratuito – sino ad esaurimento dei posti disponibili – promossa da  Birra Raffo, main sponsor del Medimex 2018 e storico brand legato a doppio filo alla storia e all’identità della Città dei Due Mari. Per la festa sulla Rotonda del Lungomare si esibiranno il Canzoniere Grecanico Salentino, il trio di rapper E GreenFido Guido e Zakalicious, la nuova stella dell’hip hop Nitro e Daddy G dei Massive Attack.

Ci saranno anche sei scatti inediti nella mostra Kurt Cobain & Il Grunge: Storia di una Rivoluzione. Fotografie di Michael Lavine e Charles Peterson, in programma dall’8 giugno al 1° luglio al Museo Archeologico Nazionale di Taranto (MarTa). La mostra, a cura di ONO arte contemporanea, comprende trentotto immagini di Peterson sulla nascita dei Nirvana, i concerti live e la scena Grunge, e quaranta scatti di Lavine estratti da servizi posati e immagini per le riviste.

Gli attesi «Incontri d’autore» si apriranno giovedì 7 giugno con Diodato e i fotografi Michel Lavine e Charles Peterson, e proseguiranno venerdì 8 con Max GazzèEmma MarroneGiuliano SangiorgiRaphael Gualazzi e Ultimo, sabato 9 con GhemonRenzo Rubino, il batterista dei Sex Pistols, Paul Cook, e  Mirkoeilcane per concludersi domenica 10 con il rapper Nitro.

Ricca la sezione professional, tra gli elementi distintivi del Medimex, con esperti del mercato mondiale della musica in cui artisti e operatori potranno incontrare nel Circolo Ufficiali della Marina Militare direttori di festival, responsabili di agenzie, etichette discografiche e stakeholder internazionali. Fitto il calendario di panel, workshop e keynote, realizzato in collaborazione con Rockol Biz Events, e numerosi i Face to Face(s), attività di networking con operatori delle scene World, Jazz, Indie/Pop/Rock provenienti da tutto il mondo. La due giorni di incontri professionali si apre venerdì 8 giugno con il workshop Playlisting: tutti i come e i perché del nuovo prodotto fruibile sulle piattaforme di streaming  con Paola Catò (Digital Sales & Partner Development Sony Music Italy) per proseguire con il panel Know your rightsConosci i tuoi diritti e impara come funziona e cambia il collecting in Italia moderato da Davide Poliani (Rockol), al quale prenderanno parte Maila Sansaini (Nuovo Imaie), Fernando Mantovani (Itsright), Matteo Fedeli (Siae), Claudio Buja (Universal Music Publishing) e Marco Ornago (SCF) e Guido Scorza (Lea), e ancora i workshop Streaming con Chiara Santoro (YouTube Music Content Partnerships Manager) e Collecting, masterclass di SIAE condotto da Matteo Fedeli (direttore sezione musica Siae), il panel La label del futuro, all’interno del quale Giampiero Di Carlo (Ceo Rockol) modererà gli interventi dei discografici Dino Stewart (BMG), Dario Giovannini (Carosello Records), Lino Prencipe (Sony Music), Claudio Ferrante (ArtistFirst) ed Emiliano Colasanti (42 Records), il panel Italia Music Export a cura di Nur Al Habash e il workshop Music & Social Media con Gabriele Aprile (Rockol) e Carlo Alberto Biasioli (Social Media Manager). La giornata di sabato 9 giugno prevede i workshop Musica dal vivo: fare rete tra festival e venue con Federico Rasetti (direttore di KeepOn Live), Il mercato internazionale della sincronizzazione a cura di Dan Koplowitz (Friendly Fire Licensing), L’imprenditore artista con Francesco Del Maro (Music Experience) e The Future Is Not How It Used To Be a cura di Italy MMF con Scott Cohen (fondatore della Orchard), Carina Sava (IMMF), moderatore Luigi Fasanella (IMMF Italy), il keynote Processo creativo e fare musica con Tommaso Colliva e, ancora, il workshop L’economia della musica tra streaming, copyright e nuovi modelli di ricavo condotto da Enzo Mazza (Fimi), il panel The Art of Booking of Festivals condotto da Scott Cohen con Marion Meier (Zürich Openair), Steve Symons (Glastonbury Festival), Amedeo Lombardi (Home Festival, Treviso). Con operatori e direttori artistici provenienti da tutto il mondo, da Australia, Europa e America, ricca anche la sezione dei Face to Face(s).

Dopo il successo dello scorso anno, al Medimex 2018 tornano le scuole di formazione Puglia Sounds Musicarium e Songwriting Camp, la prima dedicata a temi trasversali e significativi delle professioni del settore (Music e Social Media Management, Web, Vocal Coach, Grafica, Video, Fotografia, Music Marketing per artisti, Management, Produzione, Impresa musicale e Live, Scrittura testi e musiche, Giornalismo musicale), la seconda pensata per apprendere e perfezionare le diverse discipline della musica, da come seguire le reference musicali alla ricerca del giusto brano per il giusto interprete. Inoltre, quest’anno si aggiunge Musicarium Advanced, spazio interamente riservato ai professionisti con lezioni avanzate tenute da personalità di assoluto rilievo internazionale: Sound engineering and design con Marc Urselli, Digital communication con Marc Plotkin e produzione discografica con Tommaso Colliva.

Al Medimex ci sarà anche una vetrina per i musicisti e gli operatori pugliesi, con gli showcase in programma l’8 e 9 giugno al Molo Sant’Eligio aperti al pubblico e rivolti agli addetti internazionali del settore. Tre le sezioni, indie-rock, jazz e world, per le quali sono stati selezionati La MascheraJunior VLi Ucci OrchestraMaria Mazzotta DuoMassimo DonnoPaolo De FalcoMaelysConcertoRoberto Ottaviano GriotsThe Roots of UnityEnzo Bacco Quintet ed Eugenio Macchia Dialogue Trio. In programma, inoltre, sempre al Molo Sant’Eligio, venerdì 8 giugno la finale della quindicesima edizione dello Sziget & Home Sound Fest 2018 e sabato 9 giugno la finale regionale del contest per band emergenti Rec&Play oltre l’esibizione del vincitore del #Gazzetta Music Contest.

Per tutta la durata del Medimex sarà allestito nella Villa Peripato il Medimex Music Market organizzato da PopUp The Sunday, CoolClub, Display Agency, Discipline, No-de e Fiera del Disco Sud Italia, uno spazio riservato al mondo delle etichette indipendenti e a quello dei collezionisti di musica per una grande fiera con espositori provenienti da tutta Italia ed Europa e un fitto programma di live, dj set, conferenze con ospiti internazionali, brunch e aperitivi musicali e laboratori dedicati ai più piccoli.

Previsti anche omaggi cinematografici al mondo del grunge. Con la collaborazione di Apulia Film Commission, il Medimex propone in Villa Peripato (ingresso libero), martedì 5 giugno la proiezione di Kurt Cobain: Montage of Heck e Pearl Jam Twenty, mentre mercoledì 6 giugno la programmazione prevede Sound City sul celebre studio di Los Angeles dove i Nirvana incisero Nevermind e L’amore è un gioco di Cameron Crowe con protagonisti, in veste di attori, musicisti della scena grunge.

Il programma include, ancora, la presentazione di tre libri che raccontano altrettanti momenti della storia del rock, l’8, il 9 e il 10 giugno nella Villa Peripato: La storia del punk di Stefano GilardinoAndy Wood. L’inventore del grunge. Vivere (e morire) a Seattle prima dei Pearl Jam di Valeria Sgarella Hendrix ’68-The Italian Experience di Enzo Gentile e Roberto Crema.

Il Medimex ospita, inoltre, l’installazione site specific Learning How to See in the Dark pensata da Arthur Duff per il Castello Aragonese, che il pubblico verrà invitato a riconsiderare alla luce del progetto visivo dell’artista americano.

Medimex è un progetto Puglia Sounds, il programma della Regione Puglia per lo sviluppo del sistema musicale regionale attuato con il Teatro Pubblico Pugliese nell’ambito del Fondo di Sviluppo e di Coesione 2014-2020 – Patto per la Puglia Area di Intervento IV “Turismo, cultura e valorizzazione delle risorse naturali. www.pugliasounds.it

 

Ti piace questo Articolo? Condividilo!

Articolo scritto da