DOYOULIKE.ORG – Magazine di Musica: Notizie, Interviste, Report, Concerti e Festival

REPORT – Selton all’Eremo Club di Molfetta, una calda serata latina

14 novembre 2017 EVENTI & CONCERTI, NEWS

a cura di Gigi Salvemini

Un sabato ideale quello trascorso lo scorso weekend all’Eremo di Molfetta. Abbiamo seguito il live dei Selton, gruppo italo-brasiliano in tour per promuovere Manifesto Tropicale, quinto album in 12 anni di attività. Una sabato ideale perché in una fredda serata d’autunno i Selton, con la loro energia e il loro calore, hanno infiammato il pubblico nel caratteristico scenario dell’Eremo a ridosso del mare. Locale abbastanza pieno e pubblico molto variegato, dai fan ai curiosi quarantenni fino ai più giovani. I Selton riescono a coinvolgere subito i tanti giunti, presentandosi in perfetto orario sul palco. Il suono latino tipico del paese di provenienza della band è chiaro e caratterizzante. Ci si lascia facilmente trasportare. In realtà una netta sensazione che si avverte subito è che Daniel Plentz (percussioni, voce) ,Eduardo Stein Dechtiar (basso, voce), Ramiro Levy (chitarra, voce) e Ricardo Fischmann (voce, chitarra), pur essendo quattro componenti completamente diversi all’interno del gruppo, è come se si amalgamassero in un’unico personaggio, capaci di scambiarsi facilmente i ruoli tra di loro senza che nulla cambi (musicalmente parlando).

In scaletta Luna in riviera è stato il secondo brano. Scelta “tattica”, efficace poiché capace di coinvolgere completamente tutti partecipi, d’altronde parliamo di un brano ormai pop che ha scalato le principali classifiche radiofoniche italiane. Ma grande è il coinvolgimento del pubblico anche su Cuoricinici e Voglia di Infinito. La band dialoga spesso con gli spettatori tra un brano e l’altro e sono rarissimi i momenti di noia anche quando a volte il ritmo cala. C’è anche spazio per un’insolita cover di If I Ever Feel Better dei Phoenix.
Quello che resta di questo live è il piacere di aver ascoltato una band che ha grandissimo talento e passione nel voler far divertire con un suono che quasi ci fa ricordare i fantastici anni di Figli delle Stelle di Alan Sorrenti. Un concerto molto piacevole, forse passato in fretta, ma la strade per Selton è lunga e siamo curiosi di vedere e sentire come andrà. Intanto bravissimi e grazie per la bella serata.

Ti piace questo Articolo? Condividilo!

Articolo scritto da