DOYOULIKE.ORG – Magazine di Musica: Notizie, Interviste, Report, Concerti e Festival

REPORT – Wire, patrimonio dell’umanità

5 agosto 2017 EVENTI & CONCERTI, NEWS

a cura di Jack Malombra

Avere 25 anni ed essere fan del post-punk e della new wave è davvero difficile nella vita quotidiana, nel rapporto con i propri coetanei, solitamente chi non è fan del genere trova davvero immatura la domanda “che musica ascolti?” al primo appuntamento.

Succede però certe sere che la programmazione dei concerti nella tua città ti regali due ore o poco meno di musica per distendere i nervi, e quindi a sorpresa quest’anno una sera vai a sentire Lydia Lunch, ancora scontrosa, ancora geniale, poi un’altra sera ritrovi sul palco il Pop Group e siamo ancora tutti prostitute oppure una sera trovi gli Wire, il vero e proprio monumento del Post-Punk. Il concerto inizia con una magistrale Ahead che ci riporta subito in quell’atmosfera buia di cui ci innamoriamo follemente.

Subito dopo seguono tre brani del nuovo Silver/Lead, una prova eccellente per quella che tutti considerano una “band datata” ma che ha evidentemente ancora molto da dire, reinventando e contimanando un genere immortale, quindi ci perdiamo nell’ascolto di Diamonds in Cups, An Alibi e This Time. Creando un ellissi temporale eseguono un brano tratto dal loro capolavoro Pink Flag come Three Girl Rumba e di seguito Art Of Persinstence da The Third Day, uscito nell’anno 2000.

Brio, uno dei pezzi più “allegri” (per quanto possa essere allegra una band del genere) dalla loro ultima fatica e poi una serie di canzoni tratte qua e là dalla loro discografia come Underwater Experiences, Red Barked Trees per poi concludere con Over Theirs. Il bis è qualcosa di davvero potente, sappiamo che probabilmente non suoneranno le nostre preferite ma sappiamo che sarà una grande prova musica e così si dimostra: Silver/Lead, brano che denomina l’ultima produzione seguita da Used To e Stealth of a Stork.

Assistere al concerto di una band che festeggia 40 anni di attività può sembrare un tuffo nel passato tranne per quanto riguarda gli Wire: sembreranno sempre una band post-punk incredibilmente attuale.

Ti piace questo Articolo? Condividilo!

Articolo scritto da