DOYOULIKE.ORG – Magazine di Musica: News, Interviste, Report, Concerti e Festival

Björk presenta ‘VULNICURA VR’, l’album in una nuova realtà virtuale

9 Settembre 2019 NEWS

i am very excited for you to see the VR videos to vulnicura. it felt natural to footsoldier into the private circus that virtual reality is, with material like this : vulnicura is the first album of mine that insisted for the songs to be in certain chronological order, after they’d been written it became apparent that i’s unintentionally tapped into the narrative of a greek tragedy. VR is not only a natural continuity to the music video but has an even more intimate theatrical potential, ideal for this emotional journey . ” – björk

Venerdì 6 settembre Björk ha pubblicato ‘Vulnicura VR‘, l’album del 2015, in una nuova edizione in realtà virtuale, tramite Steam e Vive Port, piattaforme di gaming online. Nella nuova edizione sono presenti anche le opere in VR prodotte in occasione della Björk Digital Exhibition, la mostra che dal 2016 è esposta in tutto il mondo (attualmente è in Brasile)

“I am so happy to share finally the complete version of vulnicura VR with all the songs now available in one place – it is a digital home for all the virtual reality videos we made,, and will be released Friday 6th September. The VR videos have been touring museums around the world as part of the Björk Digital exhibition , but now that it is possible to put them all out on an accessible gaming platform available to everyone, I am thrilled for people to be able to download them in their own home” afferma Björk.

‘Vulnicura VR’ è un lungo viaggio iniziato quando Björk ed Andy Thomas Huang hanno cominciato a ragionare su come documentare ‘Stonemilker’, attraverso una serie di immagini girate con una camera a 360 gradi in una spiaggia in Islanda nel novembre del 2014. Dopo le prime entusiastiche reazioni di seguito ad un’esibizione dei filmati in uno dei negozi di dischi Rough Trade, Björk riceve l’invito per un’importante performance a Sydney nel 2016, a cui ne fanno seguito tante altre in tutto il mondo, da Tokyo a Londra, da Montreal a Los Angeles, Mosca, Barcellona, Buenos Aires, Bogota, Messico…attualmente la mostra è in quattro diverse città del Brasile. “Tutto l’intero processo è stato un’improvvisazione, cercando di rimanere il più possibile fedeli al formato. E’ troppo semplice, per i musicisti al giorno d’oggi, lamentarsi dell’assenza del formato fisico. Io ho cercato di fare qualcosa di coraggioso e di sfruttare la tecnologia per il suono ed il video a 360 gradi” spiega Björk‘Vulnicura VR’ contiene 7 VR video, realizzati con 6 differenti équipe ed altrettanti registi e 4 software. “Quando Andy mi ha proposto di girare il video di ‘Stonemilker’ sulla spiaggia, ha capito in pieno quanto soprattutto quel brano fosse fortemente connesso con la natura. Camminare sulla stessa spiaggia in cui ho scritto questo brano, girando un video a 360 gradi, mi è sembrato il modo migliore per omaggiare ed umilmente invitare gli ascoltatori ad immergersi nella mia musica”.

“Sono particolarmente legata a ‘Vulnicura’ – continua Björk: ‘è un album che sento nel cuore , è una parte di me ed è una sorpresa enorme vedere come ha potuto riprendere vita grazie all’utilizzo della tecnologia ed al supporto di persone che, come me, hanno fortemente creduto in questo progetto. Mentre ‘Biophilia’ è stato educativo – realizzato con l’ausilio del 3D applicato alla musica – con VR è stato completamente diverso, profondamente penetrante e metafisico, è una sorta di estensione del proprio corpo”.

I fan che proveranno l’esperienza di ‘Vulnicura VR’ si sentiranno trasportati in un paesaggio digitale islandese, dove potranno sentirsi liberi di sperimentare e viaggiare in una ventosa spiaggia per una performance one-on-one con Björk, oppure di finire in un tunnel sotterraneo di lava oppure di volare in Giappone o nella bocca di Björk. L’album di ‘Vulnicura VR’ non è un gioco, è piuttosto una casa che accoglie le esperienze dei video VR e della musica che cambia in base al viaggio che l’ascoltatore decide di intraprendere. Il primo video realizzato in Vulnicura con la tecnologia VR è stato ‘Stonemilker’, diretto da Andrew Thomas Huang, dove il fruitore diventa parte centrale della performance in cui Björk si trova in una spiaggia deserta in Islanda.

Ti piace questo Articolo? Condividilo!

Comments are closed.