DOYOULIKE.ORG

Grammy Awards: trionfi per Adele, Beyonce e Bowie. Chance The Rapper il nuovo re dell’hip-hop

a cura di Luigi Lupo

L’emozione per il tributo a George Michael poi quella per la il trionfo. E’ stata la notte di Adele nella cerimonia dei Grammy Awards, assegnati allo Staples Center di Los Angeles. La cantante inglese ha ottenuto cinque premi a partire da quello come “miglior album dell’anno” al titolo di “miglior canzone” e” migliore performance pop solista” per il brano Hello, poi best record e best pop vocal album per 25. Inoltre Greg Kurstin, il suo produttore, è stato premiato come produttore dell’anno, Non-Classical.

L’evento si è aperto con un doveroso omaggio a George Michael, scomparso il 25 dicembre 2016. Adele ha cantato Fastlove dopo un iniziale momento di blocco a causa dell’emozione: si è dovuta fermare per poi ripartire con il brano senza imprecisione. Come merita un’artista come Michael. Ma non sono mancati omaggi anche a Prince grazie a Bruno Mars e alle altre star scomparse lo scorso anno, ricordate da John Legend in una performance al pianoforte.  Tra queste anche David Bowie: il “duca bianco”  ha trionfato – il premio ritirato dai suoi musicisti- in cinque categorie tra cui quella per la “miglior canzone rock” con Blackstar, estratta dall’omonimo album del 2016.  Lemonade di Beyoncè, invece, ha vinto nella categoria “best urban contemporary album” con la pop-star che ha regalato momenti di spettacolo durante la cerimonia. In un elegante e sgargiante abito glitterato, con il pancione in bella vista dopo l’annuncio di una gravidanza di due gemelli, la cantante ha eseguito, in splendida forma, Love drought e Sandcastle riscuotendo l’ammirazione di Adele. “Ti adoro e vorrei fossi mia madre” – ha detto la cantante britannica rivolgendosi a Queen B.  Da segnalare anche l’esibizione di Lady Gaga con i Metallica rovinata da alcuni problemi tecnici tanto che il  chitarrista James Hetfield, dietro le quinte, ha distrutto la chitarra.

La 59.ma edizione dei Grammy Awards ha decretato il nuovo re dell’hip-hop: è Chance The Rapper miglior nuovo artista e miglior album rap con Coloring Book. Nessuna menzione per gli assenti e dissidenti Kanye West e Justin Bieber che hanno disertato la manifestazione in aperta polemica per la mancanza, tra i candidati, di Frank Ocean.

Il producer Flume, con Skin, porta a casa il premio per il miglior album dance/elettronico mentre al giovanissimo Jacob Collier vanno i riconoscimenti ( Best Arrangement, Instrumental or A Cappella, Best Arrangement, Instruments and Vocals) per il singolo Flintstones. Take Me To The Alley di Gregory Porter è il miglior lavoro nella sezione “jazz vocal album”.

 

Ti piace questo Articolo? Condividilo!

This function has been disabled for DOYOULIKE.ORG .